Kreatore.it

Sviluppo applicativi Lamp

Textpattern: più siti con una sola installazione

Scritto da: | Categorie: ,

E’ dalla versione 4.2 di TXP che è possibile utilizzare la funzione multisite ma fino ad ora non avevo mai provato ad utilizzarla. Oggi invece ho avuto la necessità di avere una seconda copia di TXP installata in locale, ma non avevo nessuna intenzione di creare un’altra directory per installarne i file.

Ho cercato tramito Google le varie spiegazioni d’uso per scoprire che era tutto ben descritto nel file README.TXT presente nella cartella SITES
Ho solo dovuto configurare la mia versione di Apache con dei virtual host dedicati ed effettuare l’installazione del database.

Decidiamo di voler gestire le nuove installazioni di TXP tramite sottodomini
sostituendo il normale loclahost con una sua abbreviazione più simile alle normali estensioni lh ottenendo una struttura simile alla seguente:

  • http://site1.lh
  • http://admin.site1.lh
  • http://site2.lh
  • http://admin.site2.lh
  • http://site3.lh
  • http://admin.site3.lh

Per completare il nostro lavoro dobbiamo semplicemente svolgere tre piccoli step:

  1. Configurare il webserver
  2. Eseguire il setup di TXP
  3. Rendere sicura l’installazione

Configurare il webserver

Per prima cosa tramite teminale andiamo ad aprire il file /etc/hosts e aggiungiamo la dichiarazione che il nostro browser dovrà seguire:

::1 site1.lh
::1 admin.site1.lh

Questo per ogni sotto dominio o dominio alternativo che vogliamo configurare.
Quindi creiamo una nuova configurazione per Apache relativa al nostro localhost.
Creiamo il nuovo file sudo nano /etc/apache2/sites-available/sitelh e inseriamo il comando per un virtual host:

<VirtualHost *:80>
    DocumentRoot /var/www/sites/site1/public
    ServerName site1.lh
    ServerAlias www.site1.lh
    <Directory /var/www/sites/site1/public/>
      Options Indexes FollowSymLinks MultiViews +Includes
      AllowOverride All
      Order allow,deny
      allow from all
    </Directory>
  </VirtualHost>

Salviamo e abilitiamo la configurazione con il comando sudo a2ensite sitelh cosi da creare un link nella cartella sites-enabled. Questa operazione è da effettuare una sola volta per ogni nuovo file creato. Se modifichiamo il file che abbiamo creato non dobbiamo ricreare il link.
Alla fine riavviamo apache sudo /etc/init.d/apache2 restart e quindi possiamo andare sul nostro browser e digitare www.site1.lh.
Dobbiamo ripetere l’operazione anche per tutte le variabili create e possiamo farlo sempre nello stesso file. La directory per la cartella di amministrazione per i multisiti è var/www/sites/site1/setup

Eseguire il setup

Accediamo quindi alla cartella di amministrazione del sotto sito ed iniziamo il processo di installazione del DB.

  • Nel nostro caso per accedere andremo su http://admin.site1.lh
  • Nella pagina di configurazione di MYSQL assicuriamoci di inserire l’URL corretto per Textpattern (non la pagina di amministrazione) per il Site URL.
    Ad Esempio: www.site1.lh
  • Textpattern, se avrete inserito i dati corretti, vi dirà di inserire il file config.php nella cartella /textpattern/. Questo è SBAGLIATO! Dovete copiarlo nella cartella sites/site1/private/
  • Prima di salvare il file config.php assicuratevi di aggiungere prima della chiusura del tag php ?> la seguente dichiarazione: define('txpath', $txpcfg['txpath']);

Rendere sicura l’installazione

Per completare l’installazione, assicuriamoci di rimuovere la cartella /setup/ da entrambe le sottocartelle principali.
Rimuoviamo enrtambe:

  • sites/site1/admin/setup
  • sites/site1/public/setup

Se come nel nostro caso, abbiamo creato un sottodomino per accedere alla sezione di amministrazione, cancelliamo la cartella /admin/ che contiene un link simbolico alla cartella di amministraizone.
Allo stesso modo, se abbiamo finito il processo di setup, la cartella /theme/ non è più necessaria, quindi possiamo cancellarla
Cancelliamo quindi

  • sites/site1/public/admin
  • sites/site1/public/theme

Nel caso non utilizzassimo la versione standard di Textpattern, possiamo cancellare, dalla root principale, le seguenti cartelle e files:

  • /files/
  • /images/
  • _/index.php
Tags: , , ,

Articoli Simili

Cerca per tag

admin, ajax, android, apache, app, audio, backup, beta, blog, bordi, browser, caffè, calcolo, calibre, categorie, cd, chrome, clienti, cloud, cms, condivisione, css3, csv, database, debian, desktop, download, drive, driver, dump, e-reader, evolution, file, firefox, flash, font, foto, freelance, funzioni, gd, gedit, gimp, htc, html5, iexplorer, immagini, indirizzo, inkscape, internet, ip, iphone, java, javascript, jquery, kivy, kv, less, lettura, link, linux, live, mac, macchina, mail, menu, mobile, mod, mp3, mysql, nautilus, network, newsletter, ombra, open office, opera, os, paypal, pdf, picasa, plugin, python, safari, skype, smartphone, smf, ssh, stampante, tabs, tag, tastiera, terminale, test, testo, textile, textpattern, theme, ubuntu, usb, video, web editor, website, windows, wysiwyg, xfce4, youtube

Cerca per categoria

© 2011 Kreatore.it :: Sito web realizzato da Marco Casalegno

TXP | Admin | Home | Back to Top

Tutte le informazioni e le immagini sono rilasciate sotto licenza secondo la Creative Commons License 2.0.