Kreatore.it

Sviluppo applicativi Lamp

Cancelliamo mysql e phpmyadmin

Scritto da: | Categorie: ,

Oggi ho dovuto mettere mano alla configurazione di mysql perchè non avevo modo di accedere tramite utente ai database; continuavo a ricevere il seguente errore:
Can't connect to local MySQL server through socket '/var/lib/mysql/mysql.sock' (11) [2002].

Ho iniziato cosi a rimuovere phpmyadmin sperando di risolvere velocemente il problema. Non ci sono riuscito ed ho allora optato per rimuovere anche mysql.Fatto tutto solo che al momento di fare una bella pulizia con il classico comando
sudo apt-get autoremove
il terminale andava in blocco al momento di cancellare mysql-server-5.1

Spulciando il forum italiano di ubuntu ho trovato alcune soluzioni che mi trascrivo sul blog più che altro come promemoria.

Per poter cancellare completamente mysql-server-5.1 ho aperto con Nano il file
sudo nano /var/lib/dpkg/status
e ho eliminato manualmente tutto il paragrafo relativo a mysql-server-5.1
Una volta salvato o dato il comando per cancellare tutto sudo apt-get remove --purge mysql-server mysql-common
e quindi un bel
sudo apt-get autoremove.

Prima di dare i comandi di pulizia ho stoppato il servizio di mysql
sudo service mysql stop.
A questo punto ho pulito tutti i pacchetti precedentemente caricati con
sudo apt-get autoclean
e successivamente
sudo apt-get -f install
per un controllo di integrità
Alla fine ho eseguito un riconfigurazione di dpkg per tutti i pacchetti disponibili
sudo dpkg --configure -a.

Prima di reinstallare tutto ho voluto eliminare anche le cartelle di configurazione di mysql presenti in /etc ed in /var

Ho provato a dare il comando di installazione di mysql e phpmyadmin ma il terminale torna a bloccarsi nel configurare mysql-server-5.1

Ho quindi disinstallato tutto nuovamente, controllato che fosse tutto correttamente disinstallato

apt-cache policy mysql-server-5.1
apt-cache policy mysql-server
apt-cache policy php5-mysql

ho scoperto che la cartella /etc/mysql esisteva ancora, ho quindi rinominato il file denian.cnf presente e ho reinstallato il server sudo apt-get install mysql-server

Al momento di configurare mysql-server-5.1 ci è voluto un attimo ma successivamente il sistema è ripartito e cosi anche il demone.
Al termine dell’installazione, sono riuscito ad accedere a mysql tramite il comando mysql -u root -p e digitando la password.

L’ultimo passaggio è stato quello di reinstallare phpmyadmin con un semplicissimo sudo apt-get install phpmyadmin inserendo le password richieste.
Detto fatto installazione conclusa. Quando ho provato ad accedere a phpmyadmin ho scoperto non solo che il server mysql funziona, ma che i database che avevo copiato in /var/lib/mysql che inizialmente risultavano vuoti, adesso vengono correttamente letti.

Cosa ne posso dedurre?
Che per eseguire delle copie fisiche dei database, meglio fare la copia solo della cartella del database, o meglio ancora eseguire un dump del database, che da terminale è semplicissimo:
mysqldump db_name > dump_db.sql -u root -p

Tags: , , ,

Articoli Simili

Cerca per tag

admin, ajax, android, apache, app, audio, backup, beta, blog, bordi, browser, caffè, calcolo, calibre, categorie, cd, chrome, clienti, cloud, cms, condivisione, css3, csv, database, debian, desktop, drive, driver, dump, e-reader, evolution, file, firefox, flash, font, foto, freelance, funzioni, gd, gedit, gimp, htc, html5, iexplorer, immagini, indirizzo, inkscape, internet, iphone, java, javascript, jquery, kivy, kv, less, lettura, link, linux, live, mac, macchina, mail, menu, mobile, mod, mp3, mysql, nautilus, newsletter, ombra, open office, opera, os, paypal, pdf, picasa, plugin, python, safari, skype, smartphone, smf, ssh, stampante, tabs, tag, tastiera, terminale, test, testo, textile, textpattern, theme, ubuntu, usb, video, web editor, website, windows, wysiwyg, xfce4, youtube

Cerca per categoria

© 2011 Kreatore.it :: Sito web realizzato da Marco Casalegno

TXP | Admin | Home | Back to Top

Tutte le informazioni e le immagini sono rilasciate sotto licenza secondo la Creative Commons License 2.0.